visual-registratore-telematico_3.jpg

Debutta il registratore telematico

Per semplificare e diminuire gli obblighi dei contribuenti, dal 1° gennaio 2017, i commercianti potranno inviare quotidianamente all’Agenzia delle Entrate le informazioni sui corrispettivi giornalieri.

I commercianti che sceglieranno l’invio telematico dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute potranno esercitare l’opzione solo on line sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come fare

Gli esercenti dovranno munirsi di “registratori di cassa telematici” (o trasformare i vecchi registratori in “registratori telematici” seguendo specifiche direttive) che saranno in grado si:

  • registrare
  • memorizzare
  • trasmettere
  • sigillare

i dati fiscali introdotti.

Come funziona il meccanismo telematico

Le informazioni acquisite dal fisco saranno a disposizione del titolare del registratore (in una apposita sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate) per dargli l’opportunità di verificare la correttezza delle informazioni inviate.
I dati inviati potranno essere utilizzati, anche, per:

  • la predisposizione delle dichiarazioni dei redditi e Iva
  • la valutazione della capacità contributiva.

Perchè scegliere l’invio telematico

I contribuenti che decideranno di aderire all’ “iniziativa”, prevista del Dlgs 127/2015, otterranno rilevanti semplificazioni:

utilizzare il sistema di interscambio (Sid) per scambiare fatture elettroniche con i propri clienti (l’Agenzia delle Entrate otterrà automaticamente i dati delle fatture e il contribuente potrà evitarne la trasmissione)

ottenere i rimborsi prioritari

Luca CavinaDebutta il registratore telematico

Join the conversation