scrittore-serie-tv-localjob.jpg

Scrittore per serie televisive

Quante volte abbiamo pensato alla vita dello scrittore come qualcosa di difficile, senza possibilità di guadagno e con scarse prospettive se non in pochissimi casi fortunati? La visione dell’autore bloccato davanti al computer con a lato una montagna di bollette da pagare potrebbe pero’ essere stravolta grazie ad un lavoro ora in auge, quello di scrittore per serie televisive.

Netflix, HBO, Amazon Prime, Sky sono tutte piattaforme alla ricerca costante di materiale nuovo per le loro produzioni. D’altronde non e’ cosi’ semplice trovare storie che incollino lo spettatore allo schermo cosi’ come e’ successo per Stranger Things o Black Mirror. Le trame devono essere sempre fresche ed originali e questo ha dato un maggiore rilievo al ruolo dello sceneggiatore, grazie ad un aumento esponenziale della richiesta di nuove avventure. Anche gli autori di fumetti, categoria da sempre bistrattata, stanno vivendo un momento d’oro come sta succedendo per lo scrittore Santiago García ed il fumettista Pepo Perez, autori del fumetto “El Vecino” prossima serie Netflix nel 2020.

Questo succede per un motivo semplice ma stravolgente: da qualche anno non conta più la popolarità di un lavoro (il classico best seller) ma la possibilità audio-visuale dell’opera. Se vi e’ davvero il potenziale per adattare lo scritto allo schermo in maniera originale, allora il racconto, libro o fumetto potrebbe essere tranquillamente scelto no matter what.

scrittore per serie televisive

Ma come funziona il lavoro di scrittore per serie televisive?

Le case editrici o le agenzie acquistano “l’opzione” sull’opera per un determinato tempo lavorando insieme all’autore per sviluppare la storia e gli episodi. A quel punto il lavoro viene proposte a differenti piattaforme che l’acquistano anch’esse per un determinato periodo, garantendosi la cessione dei diritti durante quel tempo.

Il guadagno può arrivare tranquillamente a 5000 euro per episodio, quando normalmente le case editrici garantiscono un 10% d’anticipo sul potenziale guadagno di un intero libro (dai 1500 ai 6000 euro nei casi di grandi editori). La differenza e’ quantomeno ragguardevole, anche considerando il fatto che il guadagno va diviso tra autore e agenzia. Per lo scrittore poi vi sono altri vantaggi come la possibilità di essere notati al grande pubblico e le maggiori vendite dell’opera originale.

scrittore per serie televisive

Ma come s’inizia?

Innanzitutto, come per tutti i lavori artistici, e’ buono avere un portfolio di lavori da proporre. Per dimostrare le proprie capacita’ si può anche scrivere un eventuale episodio per una serie già esistente.

Per quanto riguarda una serie nuova, l’autore può, anzi deve proporre:

  1. Spec Episode, ossia un episodio pilota della storia.
  2. Spec Plot, la trama eventuale del racconto.

Grazie alla trama l’agenzia conosce a grandi linee la storia fondamentale, mentre con l’episodio può iniziare ad intravedere le caratteristiche dei personaggi. L’importante e’ che la storia sia originale, stravolgente e unica.

E’ un lavoro da sogno? dipende, si tratta sicuramente di un lavoro duro che necessita tempo e pazienza, ma può dare la grande soddisfazione di vedere il frutto della propria fantasia sullo schermo.

E’ un lavoro del futuro? si, e del presente. La televisione come si pensava una volta non esiste più e le piattaforme sono alla ricerca costante di bravi autori.

Mettetevi sotto!

 

LisaScrittore per serie televisive

Join the conversation